Informazioni

 

Sinossi

Language:

italiano

La traviata di Giuseppe Verdi

Atto I

Descrizione: In casa di Violetta Valéry. Violetta Valéry, nota cortigiana protetta dal Barone Douphol, è segretamente affetta da un male incurabile. Mentre la giovane donna offre un ricevimento, il suo amico Gastone, visconte di Letorières, le presenta Alfredo Germont, un suo ammiratore. Dopo aver brindato, Alfredo invita Violetta a ballare ma un malore improvviso la costringe a fermarsi. Lui le dichiara così il suo amore: in cambio, Violetta gli porge una camelia, il suo fiore preferito. Si rivedranno non appena sarà appassito. Finita la festa, Violetta ripensa alle parole di Alfredo e gioisce sentendosi autenticamente amata; tenta però di negare tutto a se stessa, convinta di essere destinata solo alla frivola mondanità.

Atto II

Descrizione: Quadro primo. In una casa di campagna. Alfredo e Violetta vivono insieme: lui è felice, ma scopre da Annina, la domestica, che Violetta sta alienando tutti i suoi beni per far fronte a questo ménage. Ferito nell’orgoglio, torna a Parigi per sistemare la faccenda con i suoi mezzi. Rientrata Violetta, le viene in visita il padre di Alfredo, Giorgio Germont, deciso a chiederle di troncare la relazione col figlio, temendo per le sue finanze e per la reputazione. Scoprendo l’onesta e fiera condotta di Violetta, Germont, pur cambiando tono, insiste, perché una simile relazione compromette la sua famiglia e impedisce il matrimonio della figlia. Violetta decide così di sacrificare l’amore per l’onore di Alfredo e dei suoi cari; Germont ne resta assai colpito. Di ritorno, Alfredo trova Violetta che, ancora turbata, si allontana subito da lui; poco dopo, un messo gli recapita un biglietto in cui la donna gli rivela di voler tornare alla vita precedente. Alfredo è accecato dalla gelosia e il padre tenta di calmarlo. Trovato sullo scrittoio un invito di Flora Bervoix, il giovane si affretta alla festa parigina dove è certo di rivedere Violetta e dar sfogo al suo sdegno. Quadro secondo. Casa di Flora Bervoix. In casa di Flora si tiene una festa in maschera. Giungono Violetta e il barone Douphol, che siede allo stesso tavolo da gioco in cui Alfredo, beffardo, continua a vincere. Approfittando della cena, Violetta si apparta con Alfredo, supplicandolo di andar via e di non sfidare il barone, cui lei ha giurato fedeltà. Alfredo, fuori controllo, richiama gl’invitati e davanti a tutti denuncia i costumi di Violetta gettandole ai piedi il denaro vinto al gioco. Alla scena assiste anche Germont padre che conduce via il figlio, sfidato infine a duello da Douphol.

Atto III

Descrizione: Nella camera da letto di Violetta. Violetta è malata, non le restano che poche ore, come il dottor Grenvil confessa ad Annina. Mentre giace, sta leggendo una lettera di Germont il quale, scrivendo di aver rivelato tutta la verità al figlio, annuncia la vittoria di quest’ultimo su Douphol e il suo imminente arrivo. Lei teme di non sopravvivere abbastanza e confida nel perdono di Dio. Arriva Alfredo e i due riescono ad abbracciarsi, mentre lui le promette una nuova vita lontano dai clamori di Parigi. Giunge anche Germont, che l’abbraccia come una figlia. Violetta è allo stremo, dona un suo ritratto ad Alfredo e lo esorta a ritenersi, con la sua morte, libero da ogni vincolo. La donna pare ritrovare le forze ma ricade e muore tra le braccia di Alfredo, nella disperazione di tutti i presenti.

Atto IV

Language:

English

The Traviata by Giuseppe Verdi

Atto I

Descrizione: In the house of Violetta Valéry . Violetta Valéry, a well-known courtesan protected by Baron Douphol, is secretly suffering from an incurable disease. While the young woman offers a reception, her friend Gastone, viscount of Letorières, introduces her to Alfredo Germont, one of her admirers. After toasting her, Alfredo invites Violetta to dance but a sudden illness forces her to stop. He thus declares her love for her: in return, she Violetta hands him a camellia, her favorite flower of hers. They will meet again as soon as he is withered. After the party, Violetta thinks over Alfredo's words and rejoices in feeling authentically loved; she tries, however, to deny everything to herself, convinced that she is destined only for frivolous worldliness.

Atto II

Descrizione: First framework . In a country house.Alfredo and Violetta live together: he is happy, but he discovers from Annina, the maid, that Violetta is alienating all her possessions to cope with this ménage. Wounded in pride, he returns to Paris to settle the matter with his means. When Violetta returns, Alfredo's father, Giorgio Germont, comes to visit her, determined to ask her to end the relationship with her son, fearing for her finances and for her reputation. Discovering Violetta's honest and proud conduct, Germont, while changing his tone, insists that such a relationship compromises her family and prevents her daughter's marriage. Violetta thus decides to sacrifice love for the honor of Alfredo and his loved ones; Germont is very impressed. On his return, Alfredo finds Violetta who, still troubled, immediately moves away from him; soon after, a messenger delivers him a note in which the woman tells him she wants to go back to her previous life. Alfredo is blinded by jealousy and his father tries to calm him down. Finding an invitation from Flora Bervoix on the desk, the young man hurries to the Parisian party where he is sure to see Violetta again and give vent to her indignation. Second framework . Flora Bervoix's house. A masquerade party is held in Flora's house. Violetta and Baron Douphol arrive, sitting at the same table where Alfredo, mocking, continues to win. Taking advantage of the dinner, Violetta goes away with Alfredo, begging him to go away and not to challenge the baron, to whom she has sworn allegiance. Alfredo, out of control, recalls the guests and in front of everyone denounces Violetta's customs, throwing the money won at the game at her feet. The scene is also witnessed by Germont father who leads his son away, finally challenged to a duel by Douphol.

Atto III

Descrizione: In Violetta's bedroom . Violetta is ill, she only has a few hours left, as Doctor Grenvil confesses to Annina. While she lies, she is reading a letter from Germont who, writing that he has revealed the whole truth to his son, announces the latter's victory over Douphol and his imminent arrival. She fears she will not survive long enough and she trusts in God's forgiveness. Alfredo arrives and the two manage to hug each other, while he promises her a new life away from the clamor of Paris. Germont also arrives and embraces her like a daughter. Violetta is exhausted, gives a portrait of her to Alfredo and urges him to feel free from all constraints with his death. The woman seems to find her strength again but she falls back and dies in Alfredo's arms, in the desperation of all present.