Jacopo Sipari di Pescasseroli, Conductor
Jacopo Sipari di Pescasseroli

Jacopo Sipari di Pescasseroli

Conductor
Bio: He was born in 1985. He studied piano, composition and singing and graduated at "A. Casella" Conservatory of L'Aquila, then he continued his training in Italy and abroad with M. Mauro Cardi, Alessandro Sbordoni, Azio Corghi, Sandro Rancitelli, Cesare Scarton, Josè Maria Sciutto, Mirta Herrera, Maria Mosca, Aurelio Iacolenna and Maria Chiara Pavone. He has received many awards: the "Young Italy" award by the CNEL, the "Chimera d'Oro" International Art Prize for music innovation. In 2012 he was appointed "Honorary Citizen of Abruzzo" for his merits in music and culture. MUSICAL ROLES: Artistic Director of The International Midsummer Festival of Italy (Tagliacozzo) Principal Guest Conductor of the Puccini Festival Foundation of Torre Del Lago Conducting Guest Professor at The National Conservatory of Mexico City Head Departement of "Singing And Pop Music Class" at the Tchaikovsky Conservatory In Italy. He has been the guest conductor of the Qatar Philharmonic Orchestra (QPO), Istanbul National Symphony Orchestra, National Theatre Orchestra of Serbia, Puccini Philharmonic Orchestra, National Radio and Tv Symphony Orchestra of Serbia (RTS), Symphony Orchestra of Zapopan (Mexico), National Symphony Orchestra of Radio and Televison of Ukraine, National Symphony Orchestra of Thessalonika – Greece, National Symphony Orchestra of Mexico, Philharmonic Orchestra of Benevento, National Philharmonic Orchestra of Mongolian State, "Marco dall'Aquila" Symphony Orchestra, Symphony Orchestra of Salerno “Claudio Abbado”, "Pompei Opera Festival" Symphony Orchestra, "Bellini Opera Festival" Symphony Orchestra. In 2010 he cooperated with the soprano CECILIA BARTOLI for the film "Opfer und Verfuehrer - Das Schicksal der kastraten" for ZDF. As Opera conductor, he conducted: "Norma" at the Greek Theater of Syracuse, "Il Barbiere di Siviglia" at the Taromina Ancient Theater, "Nabucco" at Pompei Ancient Theater, “La Bohème” with E. Scola direction at Great Puccini Open Air Theatre of Torre del Lago, "Turandot" for the 90th anniversary of the first performance at the Great Puccini Open Air Theatre of Torre del Lago, "Traviata" at Massimo Theatre of Pescara, "Madama Butterfly" and "La Boheme" with the Puccini Foundation at the National Theatre of Managua - Nicaragua, "Cinderella" at the National Theater of Mongolia, “Nabucco” and “Aida” at the Belgrade National Theater, "La Boheme" at the Cluj - Napoca National Opera House of Romania, Rigoletto” at the National Theatre of Managua - Nicaragua, and from March 2018 to December 2018 he will conduct: "Otello", "Tosca", “Un Ballo in Maschera” at the Belgrade National Theater, "La Boheme" at the Cluj - Napoca National Opera House of Romania, “Madama Butterfly” in Casale Monferrato Municipal Theatre, “Madama Butterfly” in Plovdid Theatre – Bulgaria, "La Boheme" in Stara Zagora Theatre, “Trittico (Tabarro, Suor Angelica, Gianni Schicchi)” at Great Puccini Open Air Theatre of Torre del Lago, “Madama Butterfly” at The National Theatre of Baku – Azerbaijan, “Werter” e “Trovatore” at the National Theatre of Georgia. He is constantly invited as guest director of the ballet at the Belgrade National Theater where he directed the great productions of Tchaikovsky's "Nutcracker" and "The Sleeping Beauty". He also conducted for Italian, Vatican and International TV: Beethoven VII Symphony, Beethoven IX Symphony, Tchaikovsky V Symphony, Verdi Requiem, Mozart Requiem, Rossini Stabat Mater and Petite Messe Solennelle in the most important Papal Basilicas in Rome in concerts dedicated to His Holiness Pope Benedict XVI and Pope Francis and the Final of the International Sacred Music Competition. Paramax Film produced the Turandot video he conducted at the Puccini Foundation for the 90th anniversary of the first performance. He was invited to conduct Carmina Burana at the opening of the International Midsummer Festival of Italy. At the age of 22 he also graduated in Law, and today he is a lawyer trainee in Rome and Assistant Professor of Criminal Law at "Roma Tre" University; he has also a PHD in Criminal Law, Civil Procedure and Canonic Law with a specialization in Latin language, and he is currently the youngest lawyer of the Roman Rota Apostolic Tribunal.
...More
Bio: He was born in 1985. He studied piano, composition and singing and graduated at "A. Casella" Conservatory of L'Aquila, then he continued his training in Italy and abroad with M. Mauro Cardi, Alessandro Sbordoni, Azio Corghi, Sandro Rancitelli, Cesare Scarton, Josè Maria Sciutto, Mirta Herrera, Maria Mosca, Aurelio Iacolenna and Maria Chiara Pavone. He has received many awards: the "Young Italy" award by the CNEL, the "Chimera d'Oro" International Art Prize for music innovation. In 2012 he was appointed "Honorary Citizen of Abruzzo" for his merits in music and culture. MUSICAL ROLES: Artistic Director of The International Midsummer Festival of Italy (Tagliacozzo) Principal Guest Conductor of the Puccini Festival Foundation of Torre Del Lago Conducting Guest Professor at The National Conservatory of Mexico City Head Departement of "Singing And Pop Music Class" at the Tchaikovsky Conservatory In Italy. He has been the guest conductor of the Qatar Philharmonic Orchestra (QPO), Istanbul National Symphony Orchestra, National Theatre Orchestra of Serbia, Puccini Philharmonic Orchestra, National Radio and Tv Symphony Orchestra of Serbia (RTS), Symphony Orchestra of Zapopan (Mexico), National Symphony Orchestra of Radio and Televison of Ukraine, National Symphony Orchestra of Thessalonika – Greece, National Symphony Orchestra of Mexico, Philharmonic Orchestra of Benevento, National Philharmonic Orchestra of Mongolian State, "Marco dall'Aquila" Symphony Orchestra, Symphony Orchestra of Salerno “Claudio Abbado”, "Pompei Opera Festival" Symphony Orchestra, "Bellini Opera Festival" Symphony Orchestra. In 2010 he cooperated with the soprano CECILIA BARTOLI for the film "Opfer und Verfuehrer - Das Schicksal der kastraten" for ZDF. As Opera conductor, he conducted: "Norma" at the Greek Theater of Syracuse, "Il Barbiere di Siviglia" at the Taromina Ancient Theater, "Nabucco" at Pompei Ancient Theater, “La Bohème” with E. Scola direction at Great Puccini Open Air Theatre of Torre del Lago, "Turandot" for the 90th anniversary of the first performance at the Great Puccini Open Air Theatre of Torre del Lago, "Traviata" at Massimo Theatre of Pescara, "Madama Butterfly" and "La Boheme" with the Puccini Foundation at the National Theatre of Managua - Nicaragua, "Cinderella" at the National Theater of Mongolia, “Nabucco” and “Aida” at the Belgrade National Theater, "La Boheme" at the Cluj - Napoca National Opera House of Romania, Rigoletto” at the National Theatre of Managua - Nicaragua, and from March 2018 to December 2018 he will conduct: "Otello", "Tosca", “Un Ballo in Maschera” at the Belgrade National Theater, "La Boheme" at the Cluj - Napoca National Opera House of Romania, “Madama Butterfly” in Casale Monferrato Municipal Theatre, “Madama Butterfly” in Plovdid Theatre – Bulgaria, "La Boheme" in Stara Zagora Theatre, “Trittico (Tabarro, Suor Angelica, Gianni Schicchi)” at Great Puccini Open Air Theatre of Torre del Lago, “Madama Butterfly” at The National Theatre of Baku – Azerbaijan, “Werter” e “Trovatore” at the National Theatre of Georgia. He is constantly invited as guest director of the ballet at the Belgrade National Theater where he directed the great productions of Tchaikovsky's "Nutcracker" and "The Sleeping Beauty". He also conducted for Italian, Vatican and International TV: Beethoven VII Symphony, Beethoven IX Symphony, Tchaikovsky V Symphony, Verdi Requiem, Mozart Requiem, Rossini Stabat Mater and Petite Messe Solennelle in the most important Papal Basilicas in Rome in concerts dedicated to His Holiness Pope Benedict XVI and Pope Francis and the Final of the International Sacred Music Competition. Paramax Film produced the Turandot video he conducted at the Puccini Foundation for the 90th anniversary of the first performance. He was invited to conduct Carmina Burana at the opening of the International Midsummer Festival of Italy. At the age of 22 he also graduated in Law, and today he is a lawyer trainee in Rome and Assistant Professor of Criminal Law at "Roma Tre" University; he has also a PHD in Criminal Law, Civil Procedure and Canonic Law with a specialization in Latin language, and he is currently the youngest lawyer of the Roman Rota Apostolic Tribunal.
...More

Reviews

Sempre molto personale la direzione di Jacopo Sipari di Pescasseroli, che gioca sui contrasti fra tempi tendenzialmente rapidi e improvvise dilatazioni. In punti come Verranno a te sull’aure o la scena della pazzia si è avuta forse una sensazione di “tirato via”, ma in quelli dove prevale il lato più scopertamente romantico della partitura l’effetto è stato certamente raggiunto. Molto buone in questo senso la scena della torre, col giusto piglio marziale, e il finale, con gli archi in bella evidenza. Da lodare senza riserve la decisione di eseguire l’opera nell’integralità quasi assoluta (mancavano giusto le variazioni finali nell’aria di Lucia, il daccapo delle cabalette dell’aria del basso e del duetto tenore-baritono e un paio di recitativi), decisione che nobilita ulteriormente la bontà dell’esecuzione.
Domenico Ciccone
L’orchestra del Festival Pucciniano ha eseguito le tre opere come meglio non le sarebbe stato possibile, sotto la guida del giovane maestro Jacopo Sipari da Pescasseroli, capace di esaltare le dinamiche, chiedendo spesso dei pianissimi affascinanti e non coprendo mai i cantanti, nemmeno nell’entrata degli ottoni nell’aria “Nulla silenzio”, che spesso nei teatri condanna il baritono di turno a trasformarsi in un pesce muto. Sipari da Pescasseroli sa trasmettere il suo entusiasmo, che so essere notevole; è appassionato a quello che fa e lo si vede, al di là del suo look da rockettaro che lo rende tanto simpatico e tanto normale. Non trasmette, nella sua gestualità precisa ed avvolgente, che umiltà e amore per la musica. Lo conobbi qualche anno fa in un Barbiere di Siviglia rossiniano; mi ha fatto piacere trovarlo ora in Puccini, capace di tradurre entrambi gli stili, così diversi, con la stessa vorace passione. Ottimo il suo controllo del palcoscenico: quando qualche cantante non è stato preciso, lo ha recuperato subito all’ensemble con maestria. Umiltà, capacità, passione: ci sono i presupposti per una carriera foriera di gioie per chi avrà la fortuna di ascoltarlo, soprattutto quando oserà di più, arrivando al fortissimo nei tratti in cui la folgorante dinamica pucciniana lo permette e richiede.
Marcello Lippi
Ottima prova dell'Orchestra della Toscana diretta con equilibrio ma senza voli pindarici dal giovane maestro Jacopo Sipari di Pescasseroli.
Maria Cristina Chiaffoni
Suor Angelica. Anche qui la sempre insidiosa prima parte, con le suorine impegnate in un serrato canto di conversazione, fatica a prendere quota. Ma con l'ingresso della Zia Principessa anche la direzione si rilassa e cresce di livello. Si percepisce da parte del direttore un amore per la partitura, della quale viene sottolineato più il versante sentimentale, religioso - visto in una chiave quasi misticheggiante, oltre che enfatica - anziché quello del dramma umano. I consueti tempi distesi di Sipari (l'interludio che segue “La grazia è discesa dal cielo” diventa addirittura ieratico) vengono forzati verso un “Senza mamma” struggente e quasi liturgico, con Donata D'Annunzio Lombardi che ne fa una straziante preghiera, grazie al controllo del fiato e alle doti di fine fraseggiatrice che la contraddistinguono. Voce delicata di soprano lirico, mai forzata, neppure nel crescendo di intensità tragica che porta al finale, la cantante aggiunge un altro personaggio alla galleria di quelli interpretati al Pucciniano. La sua emozionante Angelica (per la prima volta in scena dopo il debutto genovese in forma di concerto nel 2014) è risolta con l'intensità dell'accento e l'uso di pianissimi impalpabili, anche negli acuti più estremi. Suo è l'applauso a scena aperta di gran lunga più intenso dell'intera serata, proprio al termine dell'aria “Senza mamma” e suoi i consensi più trionfali al termine della recita, assieme a quelli per lo Schicchi di Bruno De Simone. Anche nel Gianni Schicchi il momento più riuscito della direzione coincide col momento solistico del personaggio protagonista. “In testa la cappellina” diventa un proclama altisonante, con cui De Simone, dalla presenza attoriale e vocale di rilievo, pare riempire l'arena, in virtù della dizione magistrale e del suono sempre ben proiettato. Nel resto dell'opera la direzione è sufficientemente precisa, anche nei serrati dialoghi tra i parenti e si assesta su una buona routine. Se il ritmo è più solenne (ma nel contesto di uno Schicchi-“kolossal” all'aperto ci può pure stare) che brillante, le pesantezze sono quasi sempre evitate.
Fabrizio Moschini
Calorosi gli applausi per Jacopo Sipari di Pescasseroli sul podio dell'Orchestra Regionale della Toscana
Livia Grossi
Suor Angelica, le cui espansioni timbriche sono parse più congeniali a Jacopo Sipari delle tensioni del Tabarro. Il giovane direttore, infatti, ha dato della partitura di Suor Angelica una lettura elegante e raffinata. Una volta si sarebbe definito questi tratti di raffinatezza come “assonanze con la scuola francese” oppure “eco schonberghiane” che tanto mandavano in sollucchero i critici di un tempo. Ma ora che il Novecento si legge con una lente centenaria ci pare che il linguaggio di Puccini, il quale sapeva trasformare il kitsch in finezza, sia originale e basta. Detto dell’Orchestra della Toscana che in questa Suor Angelica ha firmato una prestazione di alto livello, sia nella cospicua sezione degli archi che in quella dei legni e dei fiati in genere, Donata d’Annunzio Lombardi (nella foto sopra il titolo), dopo averci abituato alla sua finissima Manon ed alla sua bellissima Butterfly, ha dato vita ad un’Angelica quasi predestinata, assorta fin dall’entrare in scena, poi contenuta, compressa, nella lancinante scena del parlatorio, dolcissima, colma d’indugi e d’amore materno nel “Senza mamma” e quindi illuminata dalla luce della grazia nel trapasso finale. In certe alchimie tecniche, come il sol della chiusa emesso a testa riversa, e i do a filo di voce, mi ha ricordato la grande Magda Olivero. Accanto a lei, sempre su livelli d’eccellenza, la Zia Principessa musicale, precisa, concentrata di Annunziata Vestri.
fulvio venturi
Bravo il giovane direttore Jacopo Sipari di Pescasseroli che ha guidato molto bene l'orchestra della Toscana.
Oriano de Ranieri
Bisogna però riconoscere a Sipari delle innegabili doti tecniche, nella capacità di una buona tenuta dell’orchestra, rapporto sempre saldo con il palcoscenico e volontà di trovare una lettura personale anche con qualche effetto inedito (Di Provenza, ad esempio, condotto su dinamiche un po’ troppo brillanti ma nel previsto tempo di Andante piuttosto mosso in effetti raro a sentirsi).
Domenico Ciccone
"Positiva la prova di Jacopo Sipari Di Pescasseroli, direttore ospite principale del Festival Puccini. Sipari pare preferire un approccio sinfonico all’opera, che trae beneficio dal suo gesto chiaro e preciso e che si traduce in un suono nitido altrettanto preciso, senza trasformarsi in mero esercizio calligrafico. Senza nulla togliere al suono selvaggio quasi brutale impartito ai momenti più febbricitanti, il momento più suggestivo dell’opera si è avuto nell’atmosfera sognante e cantilenante con cui ha rivestito la scena delle tre maschere all’inizio del secondo atto. Il saper amalgamare con naturalezza un rispetto scrupoloso dei dettagli orchestrali con una viva attenzione a quel che accade in palcoscenico è segno sicuro di competenza direttoriale".
Nicola Lischi
"Eccellente invece il cast che, sostenuto da un ottimo direttore come il giovane Jacopo Sipari di Pescasseroli che ha guidato con precisione e passione la sempre brava Orchestra del Festival Puccini, ci ha dato la gioia di ascoltare una bellissima Turandot da ricordare".
Stefano Mecenate
© 2021 Operabase Media Limited or its affiliated companies. All rights reserved.